Napoli caput

IL DONO DELLA LIBERTA'
tre atti di Mariano Burgada

2000

 

  Video

Il tuo browser non supporta l'ActiveX di Media Player

Napoli caput fu l'ordine impartito da Hitler alle sue truppe oramai in rotta. Il sottotitolo è però Il dono della libertà, quello che fecero a noi un gruppo di giovani studenti del liceo Sannazzaro, ostacolando in tutti i modi la distruzione della loro città ed accellerando la liberazione dall'oppressione nazi-fascista.
Gli alunni protagonisti di quei tristi giorni, servendosi della copertura della scuola per il "Corso di Teatro", organizzarono una forma di resistenza che portò allo scatenarsi dei una vera rivolta popolare. Gli interpreti di questo lavoro non sono solo attori di vicende di un lontano 1943, ma sono attori di una realtà che non va dimenticata affinché non si ripeta. E questo può avvenire se i giovani di oggi sono correttamente informati, in modo da conoscere quali sono i giusti ideali e saper combattere per essi.
Con Napoli caput si chiude la trilogia Napoli tra ribellismo e servilismo, che, attraverso i personaggi di Masaniello prima e di Eleonora Pimentel Fonseca, aveva visto emergere anche il popolo, timoroso e pronto a ritornare al servilismo con Masaniello, passivo ed assente il popolo del 1799, preoccupato da quell'ondata giacobina, perché, come diceva il Cuoco, il popolo si muove perché ha fame, non per ideali, che neppure comprende.
Diverso quindi è il popolo delle Quattro Giornate, fatto da cittadini di ogni ceto e di ogni età, che lotta, resiste in nome della libertà. Sopraffatti da anni di guerra e sofferenze, anche i giovani, fecero sentire il peso della propria ribellione a tale ingiustizia storica combattendo in gruppi spontanei o in gruppi organizzati come il Fronte Unico Rivoluzionario, con base nel liceo Sannazzaro. A tutti quei giovani che combatterono in quei giorni ed in molti persero la vita, è dedicata questa riflessione storica, consapevoli della valenza culturale e politica di quel periodo e convinti che i nostri giovani saranno in grado di apprezzare queste pagine del nostro passato, maturando una coscienza storica, ma prima ancora politica.

            

 

   

Return


© Mariano Burgada 2006               Webmaster: mariano@teatroburgada.it